Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Cookie Policy

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Avete accettato l'utilizzo dei cookies sul Vs. computer. Questa decisione è reversibile.

L’odontoiatria estetica

Più popolare che mai, l’odontoiatria estetica deve la sua crescente fortuna non solo all’allungamento della vita media e al desiderio sempre più diffuso di invecchiare con grazia, ma anche alla nuova voglia di bellezza che caratterizza la nostra epoca. Le nuove tecniche odontoiatriche, tanto sofisticate nella sostanza quanto naturali nel risultato, possono ormai far durare un sorriso per sempre.

L’odontoiatria estetica è odontoiatria generale con una dimensione in più: oltre a soddisfare tutti i requisiti di funzionalità, presta un’attenzione particolare all’aspetto del lavoro dentale. I materiali odontoiatrici sono migliorati negli anni fino al punto in cui possono essere impiegati con tranquillità in quasi tutti i restauri, consentendo ai dentisti di dare a ogni paziente un risultato non solo tecnicamente ineccepibile e duraturo nel tempo, ma anche esteticamente bello.

Il ramo estetico rappresenta una delle più diffuse forme di odontoiatria oggi disponibili. Sempre più persone si rivolgono al dentista per migliorare il proprio aspetto o a volte, più raramente, per cambiare del tutto forma, colore, allineamento di tutti i denti.

E sempre più persone attribuiscono valore all’estetica del sorriso, per esempio in un’indagine condotta dall’American Academy of Periodontology, per il campione intervistato l’odontoiatria estetica è sette volte più desiderabile di un lifting e cinque volte più desiderabile di una blefaroplastica.

La mancanza di uno o più denti, i difetti di tinta e forma, gli spazi indesiderati, gli affollamenti e le sovrapposizioni sono imperfezioni dentali che deturpano il sorriso e possono minare la sicurezza in se stessi nelle più varie forme di interazione sociale, soprattutto in quelle importanti quali un primo appuntamento, un colloquio di lavoro.

Come si disegna un sorriso
Sono in sostanza tre gli stili di base di un sorriso, e per ciascuno esistono diverse, sottili variazioni sul tema. Un sorriso sexy mostra delle disuguaglianze nella lunghezza dei denti. Durante l’infanzia, gli incisivi centrali tendono infatti a essere più lunghi degli altri denti anteriori, una caratteristica che di solito non resiste alla crescita e all’invecchiamento; perciò, gli incisivi centrali prominenti sono un ambìto marchio di gioventù. Nel sorriso sexy questi denti sono significativamente più lunghi di quelli laterali per produrre un effetto di giovinezza e di incisività, ma anche di calore e di tenerezza. Lo sguardo dell’osservatore è attratto dalla parte centrale del viso, nella quale vengono enfatizzati il naso e le guance. È un’estetica adatta a persone con labbra carnose e prominenti. Il sorriso sofisticato è invece caratterizzato da denti allineati lungo una linea orizzontale diritta, che contribuisce a conferire alla persona un aspetto maturo e intelligente. È un sorriso che tende a enfatizzare la parte inferiore del viso. Quando spuntano, i denti sono più disuguali in lunghezza, ma gli anni che passano tendono a uniformarli; per questo, un sorriso nel quale i denti sono tutti lunghi allo stesso modo suggerisce saggezza e sofisticazione. Infine, il sorriso sportivo è una via di mezzo tra quello sexy e quello sofisticato, perché gli incisivi centrali sono un po’ più lunghi dei denti laterali. È il sorriso di una persona rilassata e informale, dato che non è né serio come il sorriso sofisticato, né giovanile come quello sexy.

Il disegno di un sorriso è influenzato da una serie di fattori. La forma del viso è il primo di questi aspetti, per esempio un volto lungo richiede un’accentuazione della larghezza per apparire più ovale, mentre una persona con la parte centrale del viso molto attraente o particolare può rendere gli incisivi centrali più visibili per attirare l’attenzione proprio verso quella parte del viso. L’età anagrafica si miscela spesso con quella “desiderata”: in questi casi, allungare gli incisivi centrali aiuta a sembrare più giovani, effetto che si ottiene anche schiarendo la tinta dei denti con una procedura di sbiancamento o con le faccette. Al contrario, un sorriso piatto o dalla tinta spenta fa sembrare più vecchi anche se gli altri tratti del viso sono ancora giovanili. Le aspirazioni estetiche del paziente sono un altro punto importantissimo: come vogliamo apparire agli altri? Un sorriso dall’impronta sofisticata accentua l’aspetto saggio e maturo di un viso, un sorriso dall’impronta sexy suggerisce passione, un sorriso sportivo energia ed entusiasmo. Il dentista deve valutare tutti questi aspetti per proporre al paziente la soluzione migliore e più adatta alla sua condizione di partenza. Un dentista che si occupa di questa branca dell’odontoiatria ha quasi sempre un vero e proprio amore per l’estetica e per la bellezza del sorriso.

L’odontoiatria estetica copre una gamma molto vasta di servizi nei quali l’estetica si combina alla funzionalità: impianti, sbiancamento, ortodonzia invisibile, corone e ponti, ma anche faccette, correzione della linea gengivale, aumento della cresta, otturazioni estetiche, oppure una serie di procedure combinate per ottenere un cambiamento radicale della qualità estetica di un sorriso. Le opzioni tra le quali scegliere in funzione della condizione iniziale e del risultato desiderato comprendono tra le altre, delle quali ci occupiamo più diffusamente nel resto del sito:

  • Correzione della linea gengivale. I denti sembrano troppo corti, le gengive sono troppo evidenti o coprono alcuni denti in modo eccessivo. Nella procedura correttiva la porzione della gengiva in eccesso viene rimossa per esporre maggiormente la parte coronale del dente, mentre la rimanente porzione gengivale viene scolpita per conferire al sorriso l’aspetto ideale;

  • Correzione delle radici esposte. I denti sembrano troppo lunghi e conferiscono al sorriso un aspetto invecchiato. Questo effetto antiestetico è provocato dalla recessione gengivale che causa l’esposizione delle radici del dente. La recessione interviene per varie cause, soprattutto a seguito di una malattia parodontale. Non solo le radici esposte hanno un aspetto sgradevole, ma soprattutto aumentano il rischio di sviluppare una carie radicolare;

  • Aumento della cresta clinica. La perdita dei denti provoca un ritiro della gengiva e una diminuzione della struttura ossea. L’osso, che non deve più tenere il dente al suo posto, si ritira e la sua densità diminuisce. L’aspetto della porzione della bocca interessata diventa innaturale. L’aumento della cresta può ovviare a questo problema riconferendo a osso e gengiva il loro contorno naturale. Il nuovo dente che verrà poi inserito nello spazio vuoto avrà un aspetto naturale e sarà facile da mantenere in condizioni igienicamente corrette;

  • Correzione dei disallineamenti. Ortodonzia istantanea è il nuovo termine coniato per descrivere l’applicazione di faccette di porcellana, corone o ponti, per correggere sovrapposizioni, spaziature, o assenza di denti. Non tutti sono candidati ideali, e per alcune persone l’ortodonzia invisibile o tradizionale resta la soluzione migliore. Modelli di cera o immagini digitali rendono possibile la visualizzazione del risultato finale prima di procedere al trattamento, inoltre dal modello di cera possono essere ricavate faccette o corone temporanee che mostrano l’aspetto definitivo dei denti in quanto a lunghezza e forma. Nella parte finale della procedura, che in genere non dura più di 2-3 settimane, i provvisori vengono sostituiti dai definitivi;

  • Correzione dei disallineamenti. Ortodonzia invisibile è il termine che descrive un modo invisibile per riallineare i denti senza ferretti ma con una serie di mascherine trasparenti che riallineano i denti senza fili metallici e senza attacchi fissi. Il risultato è efficace sotto il profilo terapeutico, come provano numerosi studi clinici, e il sistema aggiunge all’invisiblità il vantaggio di essere rimuovibile ed estremamente confortevole perché proprio l’assenza di fili metallici e di attacchi previene qualsiasi irritazione;

  • Otturazioni estetiche. La carie è un piccolo forellino che si forma nella superficie del dente quando lo zucchero contenuto negli alimenti si miscela ai batteri presenti nella bocca, formando un acido dolce che può attaccare lo smalto, lo strato esterno e duro dei denti. Nelle otturazioni estetiche il materiale di riempimento è dello stesso colore dei denti, al contrario di quanto avveniva in passato quando le otturazioni erano solo in oro o in amalgama;

  • Sbiancamento dei denti. Oggi esistono vari sistemi che cambiano veramente il colore dei denti mediante mascherine notturne, oppure attivazioni con luce alogena o laser di varie sostanze sbiancanti. Questi ultimi sono da eseguire presso lo studio del dentista. La procedura di sbiancamento professionale è davvero efficace: test clinici dimostrano che con questo processo sbiancante si ottiene mediamente un miglioramento del colore di nove gradi della scala colori "Vita" che i dentisti usano per stabilire i colori dei denti;

  • Faccette. Le faccette sono piccole conchiglie molto sottili, in acrilico o preferibilmente in porcellana, che si fissano sulla superficie dei denti. Servono a ricoprire i denti molto macchiati o scheggiati, le grosse otturazioni o i denti dalla forma irregolare. Il risultato finale è eccezionale in termini di estetica e di durata: in media, le faccette durano più di 10 anni e devono venire considerate come un trattamento irreversibile poiché si è eliminato uno strato di smalto dai denti;::  corone. La corona serve a coprire la parte danneggiata del dente e a proteggere quella sana da ulteriori danni. Alle corone si ricorre dopo il trattamento di un canale, a seguito di una grossa otturazione, se un dente è rotto, decolorato, o inadeguato per forma e allineamento. Le corone sono fatte di diversi tipi di metallo, di porcellana o di una lega ceramico-metallica, sono solide e durano anni se vengono curate adeguatamente;::  ponti. Un dente mancante può essere sostituito da un dente artificiale, impedendo così agli altri denti di disallinearsi provocando ulteriori problemi. Il ponte, detto anche “ponte fisso” o “protesi parziale fissa” viene ancorato in maniera permanente ai denti sani vicini, e sostituisce uno o più denti;

  • Impianti dentali. Gli impianti servono a sostituire le radici mancanti e a tenere al proprio posto i denti sostitutivi che possono esservi ancorati in modo permanente o mobile. Poiché l’impianto si integra all’ossatura, lo si può trattare praticamente come un dente naturale.

Dove Siamo

Puoi contattare il dentista dr. Cesare Paoleschi e la sua équipe per qualunque problema di implantologia, impianti dentali e zigomatici e tutti gli altri problemi di odontoiatria, nei seguenti studi:

  • Prato

  • via Filippo Brunelleschi, 1 - 59100, Prato
    Tel: +39 0574.571098

  • ICON

Il dentista dr. Cesare Paoleschi, fondatore di Iris Compagnia Odontoiatrica, opera come consulente di implantologia, impianti zigomatici e dentali, implantologia all on 4, presso i centri Iris Compagnia a:

  • Firenze

  • via A. Gramsci, 12 - 50121, Firenze
    Tel: +39 055.289891

  • ICON
  • Novoli Firenze

  • via O. Vecchi, 105 - 50127, Novoli Firenze
    Tel: +39 055.4223940

  • ICON
  • La Spezia

  • via Persio Aulo Flacco, 15 - 19121, La Spezia

  • ICON
  • Montelupo Fiorentino (FI)

  • piazza dell'Unione Europea 9/10 - 50056, Montelupo Fiorentino (FI)
    Tel: +39 0571.542791

  • ICON
  • Scandicci (FI)

  • via A. Manzoni, 41 - 50018, Scandicci (Fi)
    Tel: +39 055.2579404

  • ICON
  • Viareggio (LU)

  • via Vittorio Veneto, 34 - 55049, Viareggio (Lu)
    Tel: +39 0584.941670

  • ICON
  • San Giovanni Valdarno (AR)

  • via Sante Tani, 15 - 52027, San Giovanni Valdarno (Ar)
    Tel: +39 055.940753

  • ICON
  • Pontedera (PI)

  • via G. Mazzini, 95- 56025, Pontedera (Pi)
    Tel: +39 0587.58314

  • ICON
  • Borgo San Lorenzo (FI)

  • Via 11 Settembre 1944 n. 10, Angolo P.zza Vittorio Veneto, Borgo San Lorenzo (FI)
    Tel: +39 055.8456584

  • ICON
  • Arezzo

  • Via Monte Falco 10
    Tel: +39 0575.1830947

  • ICON
  • Cecina (LI)

  • Corso Matteotti 256, Cecina (LI)
    Tel: +39 0586.1732290

  • ICON
  • Poggibonsi (SI)

  • Via Fratelli Bandiera 27, Poggibonsi (SI)
    Tel: +39 0577.981280

  • ICON
  • Per emergenze edontoiatriche
  • telefonare al numero
  • 348.2719607