Odontoiatria estetica: le faccette

By 29 Maggio 2017Luglio 3rd, 2017Articoli Informativi

Le faccette sono piccole conchiglie molto sottili, in acrilico o preferibilmente in porcellana, che si fissano sulla superficie dei denti. Servono a ricoprire i denti molto macchiati o scheggiati, le grosse otturazioni o i denti dalla forma irregolare.

la procedura
1 in anestesia locale, il dentista rimuove una minima parte dello smalto dei denti per potervi poi applicare le faccette. Viene presa l’impronta dei denti che viene inviata al laboratorio, dove verranno prodotte le faccette su misura
2 durante la visita successiva, viene applicata ai denti una soluzione blandamente abrasiva per renderli rugosi e facilitare così l’aderenza delle faccette
3 ogni faccetta viene applicata singolarmente con un cemento in resina composita

Le faccette in porcellana durano più di quelle in acrilico, tuttavia qualsiasi faccetta è soggetta a staccarsi se non si presta un minimo di attenzione: non mangiarsi le unghie, non usare i denti per aprire oggetti, non avventarsi sui cibi più duri. In media, le faccette durano più di 10 anni e devono venire considerate come un trattamento irreversibile, poiché si è eliminato uno strato di smalto dai denti. Le faccette sbeccate o scollate devono venire sostituite, soprattutto se sotto la resina composita si è formata una carie.

Mangiare, bere e fumare
Caffè, tè, nicotina, succo d’uva, ciliegie e vino rosso possono macchiare i denti sbiancati o restaurati esattamente come quelli naturali. Le faccette sono più resistenti alle macchie, ma si possono sbeccare se non si presta attenzione quando si mangiano alimenti duri o collosi.

Prenota una visita con il dr. Cesare Paoleschi! Contattami